Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo: Riflessioni su un'agenda condivisa - a cura di Pierpaolo Abet e Valerio De Luca

Cooperazione e sviluppo nel Mediterraneo: Riflessioni su un'agenda condivisa - a cura di Pierpaolo Abet e Valerio De Luca


Il Mediterraneo rappresenta un quadrante regionale estremamente instabile su cui si focalizzano, in una vorticosa competizione geopolitica, l’attenzione e gli interessi delle maggiori potenze economiche e militari della terra. L’Italia con l’Europa tutta, coinvolta direttamente negli imponenti fenomeni di crisi generati da questa instabilità, si trova di fronte ad una opportunità storica per tornare ad essere protagonista, attraverso la costruzione di una nuova visione geopolitica euro-mediterranea che passa necessariamente attraverso il recupero di quel rapporto privilegiato con il suo mare diventato sempre più globalizzato anche nei suoi conflitti bellici. Una nuova visione strategica per la stabilità e la sicurezza, da costruire e rafforzare con gli altri Stati, attraverso una responsabile cooperazione politica internazionale orientata al rispetto reciproco della sovranità e in una logica di sviluppo comune. Cooperazione politica ed investimenti sostenibili e responsabili perchè il futuro dell’Europa è anche nel rapporto con il Sud, non solo con il Mediterraneo in senso stretto, ma anche con tutto il continente africano nel suo senso allargato. Il Mediterranean Forum of Rome intende promuovere la visione di una nuova alleanza europea per il Mediterraneo sui temi della crescita, della sicurezza, della stabilità e dell’identità tutti necessari per recuperare una dimensione politica adeguata ad affrontare le sfide urgenti che i Paesi del Mediterraneo devono affrontare. Il Report Med 2019 raccoglie interventi di personalità di spicco del mondo delle istituzioni, dell’accademia, della diplomazia e della società civile, finalizzati alla ricerca di soluzioni possibili e auspicabili.